<img src="https://secure.leadforensics.com/77233.png" alt="" style="display:none;">

Tecnologia e privacy

Blackline Safety 02 agosto 2012

Un recente sondaggio di Harris Interactive ha rivelato che, senza sorpresa, le nuove generazioni non solo sono più a loro agio con la varietà di tecnologia disponibile a bordo del veicolo, ma tendono anche a sentire un maggiore bisogno di connettività a bordo. Le generazioni più anziane, d'altra parte, tendono a sentire un maggiore bisogno di privacy nei loro veicoli e danno meno valore ai progressi tecnologici quando scelgono un veicolo.

Il sondaggio, completato nel maggio di quest'anno, ha intervistato oltre 2.600 adulti dai 18 anni in su per determinare i valori, le esigenze e i desideri di vari gruppi demografici per quanto riguarda la tecnologia dei veicoli e la privacy. Lo studio ha indicato che il 62% dei proprietari di veicoli si preoccupa dell'impatto dei progressi tecnologici e della connettività sulla loro privacy. Il 41% dei proprietari d'auto statunitensi intervistati crede che la tecnologia che permette il monitoraggio delle abitudini di guida potrebbe aumentare le tariffe assicurative con i conducenti di età compresa tra i 18 e i 35 anni e i maschi che costituiscono il 46% di questo gruppo di intervistati.

È interessante notare che il 58% dei proprietari di veicoli ha indicato che la tecnologia ha reso la loro esperienza di guida più piacevole e fornisce un maggiore senso di sicurezza mentre sono seduti al volante. Gli uomini erano in generale più propensi a godere della tecnologia nel veicolo con il 64% d'accordo, contro solo il 53% delle donne. Anche la percezione della sicurezza è stata presa in considerazione, con gli uomini che indicano un accordo del 61% sul fatto che la tecnologia fornisce un maggiore senso di sicurezza, mentre il 54% delle donne è d'accordo con questa affermazione. Inoltre, il 76% di tutti gli intervistati ha indicato in qualche misura che una maggiore tecnologia potrebbe causare "troppa distrazione" sulla strada ed è "pericoloso da avere".

Le generazioni più giovani erano più propense a indicare che la connessione in auto era importante, mentre le generazioni più anziane erano le meno propense. I Baby Boomers sono stati i meno propensi dei quattro gruppi di età testati a dare priorità alla tecnologia con meno della metà degli intervistati (39%) d'accordo per quanto riguarda l'esperienza di guida e le decisioni di acquisto del veicolo. Al contrario, la maggioranza (66%) dei conducenti di età compresa tra i 18 e i 35 anni ha ritenuto che la tecnologia a bordo del veicolo fosse uno dei principali fattori che influenzano le decisioni di acquisto.

Tutti i gruppi demografici intervistati erano diffidenti riguardo alle implicazioni della tecnologia sulla privacy. La preoccupazione principale a questo proposito era che i dati di localizzazione e di utilizzo del veicolo potessero essere utilizzati a beneficio di un'organizzazione terza, come un fornitore di assicurazioni o una società di indagini private. Una preoccupazione secondaria per tutti i gruppi era l'impatto della tecnologia sulla distrazione dei conducenti.

Leggi l'articolo originale qui.

Messaggi del blog correlati