Il gas O2 e il suo sensore

Introduzione al gas ossigeno

L'ossigeno gassoso è un composto chimico con formula O2. Può essere molto difficile rilevare quando i livelli di O2 non rientrano nelle concentrazioni normali, poiché è incolore, inodore e insapore. L'ossigeno è un eccellente agente ossidante e può causare o intensificare gli incendi quando si combina con molti composti diversi presenti nell'atmosfera. L'ossigeno non è di per sé combustibile, ma è una parte fondamentale del triangolo del fuoco che porta alla combustione di altri composti o materiali.

La minaccia maggiore è rappresentata dall'assenza di ossigeno: la carenza di ossigeno crea circostanze incredibilmente pericolose. Per questo motivo è indispensabile verificare frequentemente i livelli di ossigeno negli spazi confinati, per evitare che i lavoratori si trovino in posizioni vulnerabili. L'arricchimento di ossigeno è un altro fattore di rischio, a causa delle maggiori possibilità di combustione ed esplosione.

Caratteristiche del gas

  • Incolore  
  • Inodore 
  • Insipido (senza sapore)  
  • Paramagnetico (sostanza magnetizzabile)
  • Reattivo, può formare ossidi con tutti gli elementi, esclusi elio, neon, argon e kripton. 
  • Moderatamente solubile in acqua  
  • CAS 7782-44-7
icona-ghs-ossidazione
icona-ghs-gas compresso

Rischi e fonti di O2 in ambito industriale

  • Fusione, produzione e raffinazione di acciaio e altri metalli.  
  • Produzione di sostanze chimiche mediante ossidazione controllata. 
  • Impianti petrolchimici e raffinerie.
  • Propulsione a razzo.  
  • Supporto vitale medico e biologico.  
  • Estrazione, produzione e fabbricazione di prodotti in pietra e vetro. 
  • Fognatura e trattamento delle acque reflue.
  • Saldatura e taglio a gas.
  • Forgiatura
  • Trattamento termico 

È generalmente riconosciuto che la mancanza di ossigeno è la principale causa di morte negli spazi confinati.

(Associazione Nazionale Protezione Incendi)

Scenari ad alto rischio

  • La carenza di ossigeno è incredibilmente pericolosa, soprattutto in spazi ristretti, a causa dell'attività microbica (fermentazione), dell'arrugginimento dei serbatoi e altro ancora. 
  • Gli aspiranti soccorritori sono a rischio perché potrebbero non essere consapevoli di un rischio di carenza di ossigeno sulla scena di un incidente che coinvolge un collega.
  • I processi industriali che utilizzano l'azoto gassoso (N2), come quelli farmaceutici, elettronici, minerari e di produzione di alimenti e bevande, sono ad alto rischio a causa della sostituzione dell'ossigeno da parte del gas.
  • Poiché l'azoto gassoso è inerte e non tossico e costituisce il 78% dell'aria, i monitor di ossigeno sono spesso utilizzati per rilevare livelli elevati di N2.
  • Può essere difficile rilevare livelli non sicuri a causa della mancanza di indicatori sensoriali (odore, sapore, colore).
  • Le atmosfere con carenza di ossigeno hanno meno del 19,5% di ossigeno in volume (OSHA). 
  • I livelli di ossigeno devono essere misurati prima di entrare in cisterne, recipienti o altri spazi confinati e monitorati durante l'occupazione da parte dei lavoratori.
  • Può accumularsi nei CSE (fognature, scantinati, fosse di lavoro, ecc.) causando un ambiente arricchito di ossigeno con un rischio esplosivo più elevato.

Info sul sensore O2

Tipo: Elettrochimico a pompa
Range: 0% - 25% di volume (risoluzione 0,1%)
Gas di calibrazione: 18% di volume

Livelli di allarme

Allarme di esaurimento: 19,5%
Allarme di esaurimento: 18%

Allarme di arricchimento basso: 23,5%
Allarme di arricchimento alto: 25%

Blackline dispositivi in grado di rilevare l'O2

Domande sul rilevamento di O2?

CONTATTO

Rischi per la salute e manipolazione dell'O2

concentrazione
sintomi/effetti
Oltre il 23%
Il rischio di tossicità dell'ossigeno, infiammabilità e combustione con altri elementi è molto elevato. L'area non è sicura senza precauzioni
19.5% - 23%
Generalmente considerate concentrazioni atmosferiche sicure di O2. Il 20,9% è il livello ideale di ossigeno nell'atmosfera.
17% - 19.5%
Ufficialmente è considerata un'atmosfera con carenza di ossigeno. Nessun lavoratore deve entrare in un'area con questa concentrazione senza una protezione sufficiente (respiratori ad aria compressa). Sintomi come vertigini sono possibili ma non probabili.
14% - 17%
Se si lavora in un'area con queste concentrazioni, è probabile che si verifichino vertigini, affaticamento, alterazione della capacità di giudizio, aumento della frequenza cardiaca, riduzione della capacità di attenzione e collasso. L'area non è sicura senza protezione.
10% - 14%
La mancanza di ossigeno nell'organismo impedisce le corrette funzioni muscolari/motorie. Possono verificarsi nausea e vomito e si può essere incapaci di spostarsi dall'area prima di collassare. Improvvisazione della coordinazione, della capacità di giudizio e della percezione. Le labbra iniziano a diventare blu.
8% - 10%
Le labbra sono completamente blu. Potenziale svenimento o perdita di coscienza. Il viso diventa cinereo e muoversi diventa molto difficile.
6% - 8%
Se si trascorrono 6 minuti in questa concentrazione, c'è una probabilità di morte del 50%. Se si trascorrono 8 minuti in questa concentrazione, c'è una probabilità di morte del 100%.
4% - 6%
Probabilmente cadrà in coma e potrebbe avere delle convulsioni. La respirazione si interromperà portando alla morte.
icona-primo soccorso
PRIMO SOCCORSO
  • In genere, il recupero è rapido se la vittima viene allontanata dal luogo in cui si è verificato l'eccesso/insufficienza di ossigeno e le vengono nuovamente somministrati livelli normali di ossigeno.
  • Il riposo è sempre consigliato, indipendentemente dalla gravità dell'esposizione. 
  • Nei casi più gravi, è necessario ricorrere alla sedazione, alla terapia anticonvulsivante e alla somministrazione di ossigeno supplementare. 
  • Se l'incendio/esplosione è stato innescato da un eccesso di O2, trattare le ustioni come si farebbe normalmente. 
icona-pericolo
IN CASO DI RILASCIO ACCIDENTALE
  • Isolare l'area con eccesso/deficit di ossigeno. 
  • Evacuare tutto il personale dall'area 
  • Interrompere la fonte di ossigeno (se possibile, e se il problema è l'eccesso di O2).
  • Rimuovere tutte le fonti di accensione (se è sicuro farlo) e ventilare l'area. 
  • Avvisare il personale di sicurezza dell'incidente e contattare i servizi di emergenza se la perdita è incontrollabile. 

RISORSE IN PRIMO PIANO

Gas H2S - Cosa c'è da sapere sul solfuro di idrogeno

Leggi l'articolo

Scoprite la tecnologia di rilevamento dei gas combustibili più avanzata e accurata

Guarda il webinar

GAS COMBUSTIBILE E LA SUA RILEVAZIONE LIBRO BIANCO

Scarica il whitepaper

Gas VOC - Proteggere i lavoratori dai pericoli nascosti

GUARDA IL WEBINAR

Ammoniaca gassosa - cosa c'è da sapere su di essa

Leggi l'articolo

IL RILEVAMENTO DEI GAS OFFRE VISIBILITÀ A DISTANZA SULL'INCIDENTE DI UNA FUGA DI AMMONIACA

LEGGI IL CASO DI STUDIO

FOGLIO INFORMATIVO SUI SENSORI PER GAS COMBUSTIBILI E MPS

SCARICA SCHEDA INFORMATIVA

Esposizione al solfuro di idrogeno (H2S) nell'industria del petrolio e del gas: Rischi e prevenzione

Leggi l'articolo

Quando il disastro naturale colpisce: Proteggere gli operatori di emergenza e le comunità durante l'eruzione del vulcano La Palma

LEGGERE L'ARTICOLO

Scegliere il giusto rilevatore di gas combustibili per il tuo sito di lavoro

Leggi l'articolo